Pensione, a quanto ammonterà?

Fino alla fine del secolo scorso, il sistema pensionistico pubblico si è basato su un “patto intergenerazionale” secondo il quale le pensioni venivano pagate dai contributi dei lavoratori attivi e che permettevano di adottare un sistema retributivo – ovvero l’importo delle pensioni veniva commisurato alla retribuzione del lavoro.

L’invecchiamento della popolazione, il calo delle nascite unito alle ricorrenti crisi economiche hanno costretto ha modificare il sistema del welfare – con il primario obiettivo di ridurre la spesa. Il risultato è che le riforme pensionistiche hanno alzato l’età pensionabile e ridotto l’importo dell’assegno che percepiremo una volta terminata la vita lavorativa.

Secondo un recente studio fatto da Altroconsumo, nei casi più rosei le pensioni potrebbero essere anche il 70% dell’ultimo stipendio. L’unica soluzione è dunque risparmiare e integrare, una volta in pensione, l’assegno che percepiremo dall’Inps.

 

Calcola la tua pensione

La calcolatrice del Sole 24 Ore

Lo strumento dell’Inps