Decreto scuola, i 24 Cfu e le competenze relative al coding

Tra gli emendamenti che ormai fanno parte del decreto scuola, ce n’è uno che riguarda anche le competenze conosciute con il nome di “coding”. Ecco il testo dell’emendamento votato in parlamento:

“Nell’ambito delle metodologie e tecnologie didattiche di cui all’articolo 5, commi 1, lettera b), e 2, lettera b), del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59, nonché nei corsi di laurea in scienze della formazione primaria, ovvero nell’ambito del periodo di formazione e di prova del personale docente, sono acquisite le competenze relative alle metodologie e tecnologie della didattica digitale e della programmazione informatica (coding).
Con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca sono individuati i settori scientifico-disciplinari all’interno dei quali sono acquisiti i crediti formativi universitari e accademici relativi alle competenze di cui al comma 1, nonché i relativi obiettivi formativi”.

A poche settimane, è ovvio che l’approvazione di questo emendamento disorienti tutti i docenti che stanno aspettando i bandi relativi ai concorsi ordinario e straordinario della scuola secondaria. Per avere notizie più certe non ci resta che aspettare di conoscere almeno le bozze dei due bandi.

Per ora sembra che chi ha già i 24 Cfu dovrà integrare quanto fatto finora con ulteriori crediti relativi a questa competenza. Ma per avere certezze dovremo aspettare notizie più sicure.

Noi come sempre vi terremo aggiornati.