Coronavirus, scuole chiuse o attività didattiche sospese, docenti devono recuperare?


In diverse regioni dell’Italia settentrionale sono state chiuse le scuole – o sospese le attività didattiche. Come si devono comportare i docenti? Non si devono recare a scuola in entrambi i casi perché cade l’obbligo di svolgere l’attività di insegnamento (e non sono tenuti a recuperare le ore non svolte, perché come indica L’articolo 1256 del codice civile afferma: “L’obbligazione si estingue quando, per una causa non imputabile al debitore, la prestazione diventa impossibile”).

Se c’è la semplice sospensione delle attività didattiche non sono cancellati automaticamente solo i collegi docenti ed i consigli di classe – ovviamente il Dirigente può stabilire di spostare il giorno in cui si svolgeranno queste attività.

Gli Ata, se c’è una semplice sospensione delle attività didattiche, devono invece recarsi a lavoro normalmente.