Provincia di Treviso, Maestra insultata in un compito: genitori condannati a risarcire l’insegnante!

I fatti risalgono a marzo del 2017, quando una maestra, di un istituto comprensivo della provincia di Treviso, assegnava un compito ai propri studenti: “Lettera ad un amico…”. In uno degli elaborati la maestra subiva pesanti insulti da un alunno, veniva infatti appellata: “sclerata…impazzita… da ricovero”. Dell’accaduto veniva subito informato il D.S. che incontrava più volte l’alunno e la famiglia senza giungere a nessun risultato. La maestra a questo punto si rivolgeva alla Gilda degli Insegnanti di Treviso, dove veniva seguita dalla coordinatrice provinciale Michela Gallina e dall’avv. Innocenzo D’Angelo. Veniva intentata causa con il sindacato che affiancava nel contenzioso la docente con lo scopo di tutelare l’immagine e la dignità professionale di tutta la categoria. La sentenza è di qualche giorno fa.
Il Giudice di Pace ha valutato la responsabilità dei genitori, soprattutto per la circostanza che gli stessi si siano sottratti al confronto con la scuola, richiesto prima dalle insegnanti e poi dal dirigente, venendo meno così alla loro responsabilità genitoriale.
La sentenza ha visto condannare i genitori a risarcire l’insegnante con una cifra pari a 1000 € oltre al rimborso delle spese legali.