Graduatorie provinciali, non ci saranno versioni provvisorie

Non conosciamo ancora le date in cui sarà possibile presentare le domande per l’aggiornamento/primo inserimento nelle graduatorie provinciali d’istituto (o Gps, graduatorie provinciali supplenze), ma intanto veniamo a conoscenza di alcuni aspetti che dovrebbero caratterizzarle.

Graduatorie provinciali, calcolo del punteggio automatico

Non sappiamo ancora se sarà possibile presentare la domanda di aggiornamento/primo inserimento nelle graduatorie d’istituto con la Piattaforma Concorsi e Procedure Selettive o Istanze OnLine, ma possiamo già dire che alla fine della procedura – ovvero dopo aver inserito tutti i titoli -, sarà possibile calcolare il punteggio per ogni graduatoria in cui il candidato intende inserirsi.

 

Non ci saranno graduatorie provvisorie

Un’altra novità che dovrebbe caratterizzare le Gps dovrebbe essere la cancellazione della fase delle graduatorie provvisorie, con i relativi tempi morti per reclami e pubblicazione delle graduatorie definitive. Gli uffici scolastici provinciali non avranno il tempo per effettuare un controllo dei titoli presentati prima della pubblicazione delle graduatorie definitive.

Le nomine per le supplenze annuali (o fino al termine delle attività didattiche) dovrebbero avvenire nello stesso modo con cui vengono attribuite per le Graduatorie ad Esaurimento.

Controllo alla prima supplenza

Il controllo sui titoli dovrebbe avvenire in occasione della prima nomina. Ovviamente se dovessero risultare delle valutazioni difformi tra quanto dichiarato e i titoli effettivamente posseduti ci potrebbero essere delle conseguenze per il supplente.

Non si rischia solo di perdere la supplenza, ma anche di essere escluso dalla graduatoria provinciale per le supplenze (e quindi anche dalle graduatorie d’Istituto). Se l’errore è giustificabile, il docente supplente subirà solo la modifica del punteggio – e ovviamente sarà necessario verificare se la supplenza toccherà ancora a lui con il punteggio modificato.