Aran propone anche per i docenti la precettazione in caso di sciopero

 

L’Aran  ( l’Agenzia per il Pubblico Impiego ) ha presentato  la propria proposta , per garantire i servizi minimi in caso di sciopero , ai sindacati sotto forma di bozza di accordo.

Nel testo  oltre alla clausola  negoziale per imporre ai docenti di manifestare in anticipo la propria volontà di aderire o non aderire allo sciopero o di non esprimersi affatto ,  ce n’è anche un’altra che obbliga  i dirigenti scolastici  di indicare

  • agli utenti le organizzazioni sindacali che abbiano proclamato l’azione di sciopero;
  • le motivazioni poste a base della vertenza ;
  • i dati relativi alle adesioni registrate nel corso delle ultime agitazioni proclamate dalle medesime sigle.

Ma quello che sconcerta gravemente  i sindacati  è la proposta dell’Aran di includere anche i docenti tra il personale precettabile in caso di sciopero per garantire la vigilanza .

Questo vanificherebbe del tutto l’efficacia delle azioni di protesta e pressione , che , come ben si sa  si concretano nella mobilitazione e nei disagi per l’utenza volti a dare visibilità alle rivendicazioni dei lavoratori.

Non si è ancora appurato se l’Aran ( realista più del re ) abbia avuto questa iniziativa o se è stata sollecitata dal governo , anche , se a dirla tutta , da parte di quest’ultimo , in un momento così delicato per il rinnovo del contratto e del reperimento delle risorse , non ha interesse ad aprire una tale vertenza .