Concorso straordinario ruolo, continua il blocco fino al 15 gennaio

Tra i provvedimenti previsti dal nuovo DPCM c’è anche il congelamento delle prove del concorso straordinario ruolo
Il nuovo DPCM – quello che fisserà le regole per dicembre e le vacanze di fine anno – si occupa anche del concorso straordinario ruolo.
Concorsi congelati fino al 15 gennaio

La procedura concorsuale iniziata il 22 ottobre, e stoppata a partire dal 5 novembre, non terminerà entro il 2020. Per ora il blocco durerà fino al 15 gennaio – l’ultimo giorno di validità dell’ultimo DPCM.

Impossibile prevedere oggi quando termineranno. E ovviamente slitteranno ancora di più i concorsi ordinari – così come quello straordinario abilitante.

Ecco cosa dice il DPCM a proposito dei concorsi

“Sospeso lo svolgimento delle prove preselettive e scritte delle procedure concorsuali pubbliche e private e di quelle di abilitazione all’esercizio delle professioni, a esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati sia effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica, nonché ad esclusione dei concorsi per il personale del servizio sanitario nazionale, ivi compresi, ove richiesti, gli esami di Stato e di abilitazione all’esercizio della professione di medico chirurgo e di quelli per il personale della protezione civile, ferma restando l’osservanza delle disposizioni di cui alla direttiva del Ministro per la pubblica amministrazione n. 1 del 25 febbraio 2020 e degli ulteriori aggiornamenti”.

E le correzioni?

Il DPCM prevede anche le prove già svolte possano essere corrette con collegamenti da remoto. L’indicazione è generica, perché in diverse regioni bisogna vedere se siano già state create le commissioni che odvrebbero occuparsi della correzione.

 

di Vittorio Borgotto, Infodocenti.it, 03.12.2020