Concorsi ordinari, da svolgere a partire da ottobre 2021: immissioni in ruolo dei vincitori entro settembre 2022. Emendamento Decreto Sostegni bis

Le forze politiche accelerano sui concorsi ordinari. Mentre il concorso STEM continua (dopo le prove scritte), si pensa ai concorsi ordinari per infanzia e primaria e per la scuola secondaria.

In un emendamento al Decreto Sostegni bis, si impegna il governo ad avviare i concorsi ordinari entro e non oltre il mese di ottobre 2021 al fine di assicurare l’immissione in ruolo dei vincitori a partire dal mese di settembre 2022.

Decreto sostegni bis, accordo vicino sulla scuola per organico Covid. Si lavora sulla stabilizzazione dei precari

Decreto sostegni-bis: modifiche concorsi ordinari

L’articolo 59 del Decreto legge n. 73 del 25 maggio 2021 (Decreto sostegni-bis) modifica, snellendole, le procedure concorsuali ordinarie già bandite per la scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo e secondo grado, prevedendone la seguente articolazione:

  • un’unica prova scritta con più quesiti a risposta multipla, volti all’accertamento delle conoscenze e competenze del candidato sulla disciplina della classe di concorso o tipologia di posto per la quale partecipa, nonché sull’informatica e sulla lingua inglese (la prova è valutata al massimo 100 punti ed è superata da coloro che conseguono il punteggio minimo di 70 punti);
  • una prova orale (il Decreto 73/2021 non dice nulla in merito all’eventuale punteggio mimino per superarla);
  • la valutazione dei titoli (un apposito DM indicherà i titoli valutabili e i relativi punteggi);
  • la formazione della graduatoria sulla base delle valutazioni di: prova scritta, prova orale e titoli.

Un apposito decreto ministeriale apporterà le occorrenti modificazioni ai bandi di concorso, derivanti da quanto sopra descritto, fermo restando i programmi concorsuali e senza che ciò comporti la riapertura dei termini per la presentazione delle istanze o la modifica dei requisiti di partecipazione. In sostanza, non ci saranno nuove iscrizioni ai concorsi né tantomeno dei nuovi requisiti di partecipazione.